Tutto quello che avreste desiderato conoscere

Se permettete ve lo racconto io…

Archivio Aprile 2010

Scoperti su un asteroide ghiaccio e “mattoni della vita”

Scritto da: donati.danilo09 il 29 Aprile 2010

asteroide1.jpg_415368877

Scoperti su un asteroide ghiaccio e “mattoni della vita”

Per la prima volta sono stati scoperti sulla superficie di un asteroide ghiaccio d’acqua e “mattoni della vita” come composti organici. La scoperta, pubblicata su Nature, rafforza l’ipotesi che gli asteroidi potrebbero aver portato acqua e materiali organici, mattoncini della vita, sulla Terra, così come la teoria che potrebbero essere stati gli asteroidi a dare “il calcio d’inizio” alla vita sul nostro pianeta.
A rivelare la presenza di acqua e molecole organiche sull’asteroide 24 Themis, uno dei più grandi che si trovano nella fascia compresa fra Marte e Giove, sono arrivati in modo indipendente due gruppi ricerca americani, coordinati da Andrew Rivkin della università Johns Hopkins e da Humberto Campins della università della Florida Centrale. Sebbene minerali idrati (prodotti dalla interazione di acqua con la roccia) siano stati già identificati sulla superficie di asteroidi, è la prima volta che su un asteroide si ha un’evidenza diretta della presenza di acqua, anche se allo stato ghiacciato.
La scoperta della Nasa – Il risultato è stato ottenute grazie alle osservazioni condotte con gli strumenti a infrarossi del telescopio della Nasa sul picco Mauna Kea, nelle Hawaii: questi hanno individuato una pellicola di ghiaccio che avvolge tutto l’asteroide, miscelata con lunghe e complesse catene di materiale carbonaceo. Intrappolate nei meteoriti, queste molecole, “potrebbero essere cadute sulla Terra dando un calcio d’inizio allo sviluppo della vita”, ha osservato uno degli autori, Joshua Emery della università Johns Hopkins.
28 aprile 2010
Redazione Tiscali

Archiviato in Argomenti vari | 389 Commenti »

Pomodori, fichi e alveari: gli orti sui tetti a New York

Scritto da: donati.danilo09 il 23 Aprile 2010

orto-tetto-436.jpg_415368877

Sui tetti di New York, tra comignoli e paraboliche, spuntano arnie e orti. Nella Grande Mela sono sempre di più le persone che esprimono il loro amore per la campagna ”coltivando” i propri balconi come fossero campi. Inoltre negli ultimi tempi anche gli apicoltori stanno uscendo dalla clandestinità, dopo 11 anni di proibizione (con multe di 2.000 dollari in caso di infrazione) l municipio ha autorizzato l’allevamento di api per la produzione di miele.
Andrew Cote, 40 anni, professore di letteratura giappone e presidente dell’associazione degli apicoltori di New York,  ha di che essere soddisfatto. “Nel momento in cui il sindaco vuole piantare un milione di alberi le nostre api si incaricano dell’indispensabile impollinazione, perciò ripuliscono l’aria e inoltre producono un eccellente miele ipoallergenico, 45 chili per alveare l’anno”, racconta entusiasta.  Cote lo si può incontrare al mercato di Tompkins Square, dove vende il suo miele, come decine di altri apicoltori che frequentano i mercati domenicali di Union Square o Chelsea.
Non solo miele. All’altro capo di Manhattan, nell’Upper East Side, Eli Zabar, proprietario della Vinegar Factory, una noto negozio di alimentari di lusso, ispeziona il suo orto di pomodori, installato sul tetto di uno degli edifici che compongono un’antica fabbrica d’aceto, acquistata nel 1991. “Ho insalate, fichi, erbe aromatiche, barbabietole, fragole, qualche fiore”, spiega il più giovane dei fratelli Zabar, dinastia newyorchese di ristoratori di origine ucraina.
Le serre sono riscaldate dai forni della panetteria e della pasticceria, così riciclo il calore che altrimenti andrebbe perduto nell’atmosfera” spiega Eli Zabar. “Le serre mi consentono di proporre nel negozio e nel ristorante prodotti cresciuti senza pesticidi, raccolti a maturazione, che non sono stati trasportati in camion refrigerati. Sono più buoni, a prezzi competitivi. E secondo l’ora, profumano di biscotto, croissant o pane” aggiunge sorridendo.
Circa la metà di quel che viene venduto nel negozio proviene dall’orto sul tetto. Da Manhattan a Brooklyn, gli orti urbani si moltiplicano. Che siano sui tetti degli edifici o nei giardini comuni (ce ne sono 600 a New York) con melanzane e basilico, o ancora nei cortili nel retro dei ristoranti trasformati in frutteti, il fenomeno si propaga. E la città non vuole essere da meno: “Planyc 2030″, un programma lanciato con la Giornata della terra 2007 che vuole trasformare New York nel campione americano dello sviluppo sostenibile, prevede sgravi fiscali per chi installa dei “tetti verdi”.
E il dipartimento parchi e giardini sta studiando a Randall Island, a nord est di Manhattan, 16 diversi sistemi che potrebbero essere installati sui tetti di scuole de edifici pubblici. “Si tratta di vari rivestimenti di terriccio e piante grasse che proteggono i tetti, isolano gli immobili dal calore, assorbono l’acqua piovana e attirano uccelli, farfalle, api”, spiega John Robilotti, architetto paesaggista e capo del progetto.
23 aprile 2010
Redazione Tiscali

Archiviato in Argomenti vari, Argomenti vari, Società | 2.698 Commenti »